Home

Perché abbiamo deciso di dar vita al progetto Sicurezza Channel.it?

Perché semplicemente parlare di Sicurezza significa fare Prevenzione!

  • I risultati statistici dimostrano come la ricerca criminologica possa fornire un contributo concreto alla previsione dei furti in abitazione, dov’è importantissimo conoscere le modalità e le probabilità di come un reato possa accadere, permettendoci così di adottare contromisure preventive più idonee ed efficaci.
  • Le persone possono usare queste indicazioni per prendere consapevolezza su come proteggere i propri beni, i propri valori, i propri affetti ed i propri famigliari, mettendo in pratica azioni di prevenzione aumentando la propria sicurezza.
  • Le amministrazioni locali potrebbero partire da indicazioni come queste per amplificare e concentrare le proprie risorse in termini di pattugliamento del territorio nelle aree in cui le abitazioni sono più soggette a questo tipo di rischio.
  • Le aree a maggiore rischio sono senza dubbio quelle con la più alta percentuale di furti e rapine registrate nell’ultimo periodo preso in analisi, in particolare quelle proprietà private che hanno già subito furti seriali e ripetuti.
  • Lo Stato o gli organi amministrativi potrebbero favorire incentivi per l’acquisto di sistemi di protezione per le nostre abitazioni, i nostri uffici, i nostri negozi ed aziende, per offrire maggior sicurezza e tutela ai cittadini.
  • In un immediato futuro costruttori edili, progettisti e professionisti potrebbero aggiornare gli standard per la costruzione di nuove abitazioni definendo uno schema di certificazione riguardante la sicurezza contro i rischi di intrusione; offrendo inoltre riqualificazione per gli edifici esistenti.
  • Uno studio europeo sulla criminalità ha dimostrato scientificamente, ad esempio, che sensibilizzando maggiormente i residenti rispetto ai rischi nel proprio quartiere è stato possibile ridurre fino al 25% le probabilità di subire furti e rapine.

  • Una corretta informazione inoltre può favorire l’adozione di misure semplici ed immediatamente applicabili per scoraggiare i potenziali autori di reato.
  • Le amministrazioni comunali potrebbero ad esempio coinvolgere maggiormente i cittadini delle aree considerate a rischio promuovendo iniziative volte a risolvere i problemi di sicurezza del loro quartiere. Questo può permettere una maggiore responsabilizzazione dei cittadini rispetto al contributo che possono dare alla sicurezza ed alla prevenzione nella propria zona.
  • Diversi studi effettuati in Gran Bretagna hanno poi evidenziato come l’adozione di programmi specifici di controllo del vicinato (Neighborhood Watch) possano generare una riduzione tra il 16% e il 26% dei reati, soprattutto se inseriti in un più ampio programma di politiche di prevenzione.
  • L’esperienza applicata alla consulenza di personale specializzato, in questo senso, ha anche il compito di valutare se e come determinati interventi utilizzati in passato abbiano portato ai risultati attesi.
  • La migliore soluzione adottabile ancora oggi si fonda su un approccio integrato tra prevenzione e contrasto; questo risultato lo si ottiene attraverso un’accurata valutazione del rischio in relazione all’efficacia delle risorse impiegate per contrastarlo.

     

Questa è SicurezzaChannel.it  e qui parliamo di Sicurezza!